Il Network

nasce dall’esigenza di coinvolgere l’Avvocatura, tramite i Consigli dell’Ordine degli Avvocati, in un processo di alfabetizzazione capillare sui temi e metodi dell’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile: varata dalle Nazioni Unite nel 2015 per dare una svolta globale ai gravi squilibri che attraversano il mondo senza ormai esclusioni nemmeno fra i paesi ad economie avanzate, vi è anche l’Italia, che l’ha recepita nella propria Strategia Nazionale per lo Sviluppo Sostenibile del 2017.

Questa chiamata dell’Avvocatura ad un impegno fattivo per la sostenibilità è stata raccolta da Cassa Forense, che l’ha tradotta in un proprio bando specificamente orientato a promuovere iniziative locali in tal senso.

L’intento è di costituire un primo gruppo coeso di professionisti in grado di fare sistema per assicurare alle nostre realtà anche locali uno sviluppo realmente sostenibile. Il tema della sostenibilità è oggi al centro delle strategie ed azioni di tutte le amministrazioni pubbliche e delle realtà aziendali, rilevantissimo per economia, società, ambiente e cultura di tutta Italia, ma in particolare della regione siciliana, da cui prende avvio il Network.

Nuovi strumenti per l’Avvocatura – quali il pensiero sistemico, strategic foresight e metodi di partecipazione – utili a comprendere il contesto attuale, le esigenze della società in costante e repentino cambiamento e avanzare adeguate proposte: offrire una nuova linea di servizi professionali per pubbliche amministrazioni, imprese e organizzazioni del terzo settore.

La chiave del progetto è la capacità del professionista di interagire in una comunità di pratica, interdisciplinare e orientata al problem solving: apprendere i metodi, elaborare e curare in concreto iniziative progettuali da attuare nei Fori coinvolgendo così, di volta in volta, colleghi, Ordini, amministrazioni pubbliche e altri soggetti pubblici e privati su temi specifici: tale modalità sarà capace di generare un’onda d’urto iniziale amplificando così, a mano a mano che si svolgeranno le attività, i contenuti, gli effetti delle attività svolte.

Con il sostegno di Cassa Forense e l’iniziativa degli Ordini degli Avvocati di Gela, Marsala e Sciacca nasce il Network Avvocatura 20-30, un network professionale permanente ed inclusivo, leva strategica per lo sviluppo di un’Avvocatura capace di restituire alle comunità locali, ai consigli comunali, ai consigli direttivi di enti ed associazioni, a consigli di amministrazione di imprese, un servizio di indirizzo e di leadership più profondamente competente e attento al futuro delle nuove generazioni.

Da un’idea di

Carla Broccardo 

Avvocata e Futurista. Iscritta all’Ordine degli Avvocati di Bolzano, patrocinante avanti le Giurisdizioni Superiori. Già consigliera nazionale CNF dal 2010 al 2019 e vicepresidente della FAI Fondazione dell’Avvocatura italiana. LM in Gestione delle Organizzazioni e del territorio e Master in Previsione sociale, Social Foresight e sistemi anticipanti all’Università di Trento. 

Massimo Zortea

Avvocato iscritto all’Ordine degli Avvocati di Trento e patrocinante avanti le Giurisdizioni Superiori. Specialista in diritto e gestione ambientale. Esperto di sviluppo sostenibile e cooperazione internazionale. Docente a contratto presso l’Università di Trento – DICAM (LM Ingegneria Ambiente e Territorio).

Informazioni sulla sostenibilità economica del progetto

Il percorso di Alfabetizzazione capillare degli Avvocati sui temi e metodi dell’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile è stato avviato con il contributo economico di Cassa Forense che ha erogato l’importo di euro 5.852,00 (iva inclusa) in relazione al bando deliberato in data 11 settembre 2019, n. 14 ai sensi dell’art. 14, lett. A7 del Regolamento per l’erogazione dell’assistenza.


In collaborazione con:


Sostengono il progetto Network Avvocatura 2030:

ECHO Sistemi | Siracusa
Medi Group Construction | Gela